SportStorytelling - Rugbymeet, il Social Network dedicato al mondo del rugby
164
single,single-post,postid-164,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded

Rugbymeet: il Social Network dedicato al mondo del Rugby

rugbymeet

Rugbymeet è un sogno diventato realtà, realizzato grazie alla passione e all’entusiasmo di tre amici rugbisti.

L’ideatore del Social Network dedicato al mondo del rugby è Mirko Clemente che ha sviluppato la sua idea insieme a Daniele Goegan e Marco Colautto.

Il Social Network della palla ovale è nato nel 2012 e nel 2014 ha vinto il bando di Polihub, l’incubatore per nuove startup del Politecnico di Milano. Per sei mesi, il team ha seguito il programma di incubazione per poi continuare autonomamente il suo percorso. A patrocinare il progetto c’è la Federazione Italiana Rugby.

Rugbymeet è una piattaforma per tutti coloro che si interessano al rugby, sia a livello professionale che amatoriale: fan, giocatori, allenatori e Club.

Per realizzare il Social Network, i creatori si sono ispirati sia a Facebook che a LinkedIn. A Facebook per il profilo e la bacheca sulla quale poter pubblicare foto, video delle partite e interagire con i propri amici. A LinkedIn per l’aspetto professionale. Su Rugbymeet, infatti, gli atleti hanno l’opportunità di trovare degli ingaggi e gli allenatori, tramite un sistema di ricerca, possono reclutare nuovi giocatori sulla base delle caratteristiche più utili alla squadra.

Rugbymeet, con il contributo del suo partner K-Sport, inserirà un sistema GPS per analizzare le prestazioni dei giocatori. Le tecnologie K-Sport sono state già utilizzate da federazioni e squadre importanti di calcio, di rugby e di altri sport, da centri di ricerca e universitari. Dirigenti, allenatori e preparatori atletici avranno così a disposizione uno strumento scientifico per valutare i giocatori.

L’obiettivo è far girare l’economia intorno a questo settore e creare reali opportunità sportive e lavorative.

Sul sito sono presenti anche una sezione con le news e un’altra contenente i risultati dei campionati, da poter consultare e commentare.

fan, per la prima volta, hanno l’occasione di avvicinarsi al mondo del rugby entrando in contatto con altri tifosi, giocatori, allenatori o club e commentando le partite e le prestazioni sportive.

Al momento il Social può vantare 300 Club iscritti su 900 tesserati in Italia e oltre 6000 utenti.

A metà agosto uscirà la versione mobile e per i primi mesi del 2016 è prevista la realizzazione di un e-commerce sul quale gli utenti potranno acquistare i biglietti delle partite, le magliette e tutto il merchandising del loro club preferito.

Verranno programmati anche dei contest, come quello che già si è concluso e che ha premiato un gruppo di fan con una giornata sul campo insieme a Mauro Bergamasco, flanker della nazionale italiana di rugby e delle Zebre. Una bella trovata per far passare ai tifosi una giornata in compagnia di un grande campione.

Tra i progetti futuri di Rugbymeet c’è sicuramente l’internazionalizzazione. A settembre ci sarà la Coppa del mondo nel Regno Unito, poi nel 2016 toccherà alle Olimpiadi in Brasile e il team di Rugbymeet si sta preparando ad accogliere sul sito gli appassionati di tutto il mondo.

Mirko Clemente ce la sta mettendo tutta; è pronto a segnare almeno due mete.

 

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest1Share on Tumblr0Share on LinkedIn7Email this to someone
Roberta Cardinale
Content Writer/Blogger/Social Media Manager - Be Social Be Honest
Sono laureata all’Università La Sapienza di Roma in Discipline dello Spettacolo, ho conseguito una laurea magistrale in materia di Produzione radiofonica alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Siena e un Master di II livello in Management e Comunicazione pubblica all’Università LUMSA di Roma.
Mi occupo di scrittura per il web (testi per siti e blog), di branded content, di strategia, creazione e pianificazione di contenuti per i Social Media e di Digital PR. Tra i miei obiettivi futuri: imparare a tirare di scherma.
Condividi

Lascia un commento

Iscriviti a SportStorytelling

Ricevi via e-mail le notifiche di nuovi post.

Seguici su Google+

 

Seguimi su Twitter