SportStorytelling - Dorando Pietri: il maratoneta raccontato da Sir Conan Doyle
67
single,single-post,postid-67,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded

Dorando Pietri: il maratoneta raccontato da Sir Conan Doyle

Dorando Pietri

Erano le 14.33 del 24 luglio 1908, quando gli atleti della maratona olimpica di Londra cominciarono a sfidarsi sotto un’afa insolita per la capitale britannica. Il ritmo della gara era altissimo e la fatica tangibile agli occhi degli spettatori. Al comando si trovava Dorando Pietri, atleta dal fisico esile che poi avrebbe ispirato libri, romanzi e – in Italia – persino una serie tv interpretata da Luigi Lo Cascio nel 2012.

Nel video storico dell’Olimpiade, lo vediamo affrontare l’ultimo giro di pista con grande fatica. Distrutto e confuso si mette a correre nel verso sbagliato, vacilla più volte finché non cade a terra sfinito.

Guardando la scena, verrebbe da fare un salto nel 1908 per andare a sostenerlo. Da garzone di pasticceria, Dorando si era ritrovato a correre in una Olimpiade alla presenza della Regina e di migliaia di spettatori.

Sugli spalti era presente Sir Arthur Conan Doyle, l’inventore di Sherlock Holmes, inviato per il Daily Mail. Il padre del giallo deduttivo, era lì per raccontare la gara.

Questo è uno stralcio del suo resoconto sul tabloid:

Then again he collapsed, kind hands saving him from a heavy fall. He was within a few yards of my seat. Amid stooping figures and grasping hands I caught a glimpse of the haggard, yellow face, the glazed, expressionless eyes.

Poi è crollato di nuovo, delle mani gentili lo hanno salvato da una dura caduta. Era nel raggio di poche iarde dal mio posto a sedere. Tra figure curve e mani abbrancanti, ho colto uno sguardo della faccia smunta e gialla, occhi di ghiaccio e senza espressione.

I giudici e un medico erano corsi in aiuto di Dorando per sorreggerlo. Il secondo a tagliare il traguardo fu l’americano Johnny Hayes che fu dichiarato vincitore in seguito alla squalifica di Pietri richiesta dagli americani.

I 75.000 spettatori presenti erano stati in tensione tutto il tempo, preoccupati per l’evidente fatica dell’italiano.

Così conclude Sir Conan Doyle il suo articolo:

The Italian’s great performance can never be effaced from our records of sport, be the decision of the judges what it may.

La grande impresa dell’italiano non potrà mai essere cancellata dagli archivi dello sport, qualunque possa essere la decisione dei giudici.

La Regina Alessandra rimase estremamente colpita dalla vicenda, tanto da regalare a Dorando una coppa speciale simile a quella del vincitore.

Sir Conan Doyle si appassionò talmente tanto all’impresa di Dorando Pietri, che si fece promotore di una raccolta di denaro per consentire al maratoneta di aprire una panetteria. Lui stesso diede il suo contributo di 5 sterline e in tutto i britannici donarono all’atleta 300 sterline.

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest1Share on Tumblr0Share on LinkedIn7Email this to someone
Roberta Cardinale
Content Writer/Blogger/Social Media Manager - Be Social Be Honest
Sono laureata all’Università La Sapienza di Roma in Discipline dello Spettacolo, ho conseguito una laurea magistrale in materia di Produzione radiofonica alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Siena e un Master di II livello in Management e Comunicazione pubblica all’Università LUMSA di Roma.
Mi occupo di scrittura per il web (testi per siti e blog), di branded content, di strategia, creazione e pianificazione di contenuti per i Social Media e di Digital PR. Tra i miei obiettivi futuri: imparare a tirare di scherma.
Condividi

Lascia un commento

Iscriviti a SportStorytelling

Ricevi via e-mail le notifiche di nuovi post.

Seguici su Google+

 

Seguimi su Twitter